minima photographica

Guardare e vedere

Cerca cerca, qualcosa si trova.
Basta cercare sistematicamente, esplorare tutti gli angoli del labirinto scientificamente.

burrini-15
foto Alberto Burrini

Scavare nel proprio archivio di segni, riprendere suggestioni non ancora completamente esplorate. Ritornare in quella piazza dove si è passati tante volte e vedere finalmente la mano del Biancone.

burrini-14
foto Alberto Burrini

Vedere, mentre frotte di turisti col naso incollato alla macchina fotografica si guardano intorno senza vedere.
Tornare a casa dopo il lavoro, in un pomeriggio di sole, e accorgersi che è passata l'estate.

parra-5
foto Maria Giovanna Parra

Osservare i gesti quotidiani di chi ti sta vicino.

burrini-16
foto Alberto Burrini

Fissare per un attimo una bolla di sapone prima che scoppi.

parra-7
foto Maria Giovanna Parra

Vedere quello che si era guardato tante volte senza vedere.

parra-6
foto Maria Giovanna Parra

Torna al giornale del seminario

traduzione google

 

bibliografia minima

Storia

Italo Zannier - Storia e tecnica della fotografia – Laterza

Beaumont Newhall - Storia della fotografia – Einaudi

Ando Gilardi - Wanted - Storia, tecnica e estetica della fotografia criminale, segnaletica e giudiziaria - Mazzotta

 

Linguaggio

Roland Barthes - La camera chiara - Einaudi

Liborio Termine - La scrittura fotografica - La Nuova Italia

Susan Sontag - Sulla fotografia - Einaudi

Ernst H. Gombrich, Julian Hochberg, Max Black - Arte, percezione e realtà - Einaudi

Rudolf Arnheim - Il pensiero visivo - Einaudi

Walter Benjamin - L'opera d'arte nell'epoca  della sua riproducibilità tecnica - Einaudi

Gyorgy Kepes - Il linguaggio della visione - Dedalo Libri

 

visita il portfolio

 

minima photographica cura la promozione e lo studio del linguaggio della fotografia

 

la fotografia

La fotografia è l’annuncio di qualcosa di nuovo che sta arrivando, qualcosa che non si porrà più il problema di essere consacrato come artistico.
Essa si trova ad essere l’ultima delle forme di espressione dotata di corpo tangibile.
La fotografia è il primo passo per la distruzione del’oggetto artistico attraverso la moltiplicazione, la dispersione (i giornali, i libri ecc.) fino all’immagine elettronica che non ha corpo.