.
minima photographica - grammatica della fotografia
corsi di fotografia
fotografia professionale
conservazione e restauro delle fotografie
 Ti trovi in: home > archivio > album
minima photographica - grammatica della fotografia
corsi di fotografia
fotografia professionale
conservazione e restauro delle fotografie

 

torna al nuovo sito

 

home
corsi
professioneconservazione
vetrina
tour

ALBUM
Fotografia in Archivio - Segnalazioni

   
   


La fotografia
ha già più di 150 anni. Gli esperimenti di Niepce e Daguerre risalgono alla prima metà dell'800.

Da 5 o 6 generazioni quasi tutti siamo passati davanti ad una fotocamera almeno una volta nella vita e questi "santini" si sono accumulati negli anni.

All'inizio erano conservati negli album, nelle scatole. Prima o poi però gli album, le scatole sopravvivevano ai proprietari e venivano "archiviate".

Cercate in soffitta, nel baule della nonna, nei cassetti e inviateci le foto dei vostri vecchi album.

Devono essere state scattate almeno 25 anni fa.

*guarda le immagini che ci sono state inviate *

scopri come inviare le foto

scrivi a minimaphotographica.it

*

FOTOGRAFIA IN ARCHIVIO - SEGNALAZIONI
Sommario

  Noi non abbiamo né responsabilità né diritti su questi contenuti. Ci limitiamo a linkare le pagine di residenza. Per questo motivo, può capitare che le pagine siano state rimosse temporaneamente o definitivamente. Ce ne scusiamo, ma non dipende da noi. In ogni caso è possibile richiedere la visione dei contenuti al responsabile del sito in cui apparivano.
  Per informazioni scrivere a minimaphotographica.it

Spy pictures of suffragettes revealed
Les gueules cassées
Storia della fotografia in India
Fotografia in archivio a New York
Archivio storico fotografico AEM
Archeologia in posa
Archivio Giuseppe Palmas
Archivio Roberto Donetta
Archivio fotografico del Piccolo Teatro di Milano
George Eastman House
Fototeca della Biblioteca Panizzi
Museo storico della guerra di Rovereto
Un italiano nella Cina dei Boxer
ICCD - FOTOTECA NAZIONALE
Le Immagini e la Memoria
SINAFO
Antiche tecniche di stampa fotografica
La fotografia come fonte storica

AMBER

Musée Nicéphore Niépce
Immagini di storia
Guida ai Fondi Fotografici Storici del Veneto
Camping with the Sioux
Lombardia beni culturali | fotografie
Dagherrotipi - Le origini della fotografia

Albumina - Le origini della fotografia
Collodio - Le origini della fotografia
Fotografia fai da te
Eadweard Muybridge - fotografo del movimento
Lewis Wickes Hine - Straight photography
Album Auschwitz
Archivi della memoria
The Leaf and the Quillan Collection

*
 

   
     

 

 

   
       

 

               
     

 

 

FOTOGRAFIA IN ARCHIVIO - SEGNALAZIONI

*

The march of the women - Spy pictures of suffragettes revealed

  Nell'ottobre del 1903 un gruppo di donne, tra cui Emmeline Pankhurst, fondava la Womens Social and Political Union.
  In pochi anni il movimento fu conosciuto in tutta l'Inghilterra, ottenendo l'aperta ostilità del mondo politico contemporaneo (tutto maschile).
  La lotta fu dura ma i primi risultati arrivarono già nel 1918, quando il voto fu esteso alle donne che avevano compiuto 30 anni. 10 anni dopo anche questo limite fu abolito.

  Nel  centenario della nascita del movimento femminista in Inghilterra, in mostra le foto scattate di nascosto dagli agenti di Scotland Yard alle donne che manifestavano per il diritto di voto.

  Come dire: la nascita della fotografia di intelligence.

Guarda alcune delle foto in mostra

torna al sommario

*

Les gueules cassées (le facce spaccate)

  Un sito in francese, dell'Università Paris 5, sulle pratiche mediche di ricostruzione dei volti sfigurati dei soldati della I guerra mondiale colpiti da proiettili di artiglieria.
  Immagini scattate per documentare il lavoro dei chirurghi dell'epoca. Avevano funzione di sussidio didattico, e non erano certo dirette al grande pubblico.
  Dagli anni 10 dell'900 è passato un po' di tempo. Al riparo del filtro di questi anni passati possiamo provare a guardare con distacco queste immagini, anche se non è possibile fare a meno di pensare
che la guerra oggi ha la stessa faccia.

Visita il sito
si ringrazia per la segnalazione Serge Noiret

torna al sommario

*

Storia della fotografia in India

  Percorsi fotografici nell'India del 19° e 20° secolo.
  Fotografi, luoghi, persone, libri per scoprire la storia della fotografia in India:
http://www.harappa.com/photo3/index.html

  Il sito inglese di una mostra fotografica, tenuta nel 2001, sui pionieri della fotografia in India (1850- 1900):
http://www.bl.uk/whatson/exhibitions/india/overview.html
si ringrazia per le segnalazioni Oscar Nalesini

torna al sommario

*

Fotografia in archivio a New York
(Il nuovo database, disponibile on line, della NYPL)

  275.000 immagini a bassa risoluzione (non solo fotografie), ad accesso libero per uso personale, per scopi educativi, didattici, creativi e di ricerca sul sito della New York Public Library.

visita la NYPL Digital Gallery
si ringrazia per la segnalazione Laura Gasparini

torna al sommario

*

L'Archivio storico fotografico AEM
(6000 immagini on line)

  "L'archivio storico Fotografico AEM conserva oltre 150.000 immagini che raccontano come in un lungo film, la storia dell'azienda dalla sua nascita ad oggi.
  Nelle sue immagini possiamo vedere lo svilupparsi e il trasformarsi di Milano, dalla sua industrializzazione, alla ricostruzione nel dopoguerra dalla nascita della metropoli, fino ai nostri giorni; troviamo illustrati i cambiamenti che si sono succeduti nel territorio lombardo, dove sono via via sorti gli impianti dell'AEM, l'archivio storico racconta così del mutare del paesaggio, nei decenni, dalla Valtellina fino, seguendo il corso del fiume d'Adda, a Cassano d'Adda."

visita l'Archivio
si ringrazia per la segnalazione Maria Chiara Corazza

torna al sommario

*

Archeologia in posa (Fotografia di documentazione archeologica e archeologia fotografica)

  La mostra virtuale Archeologia in posa (forse si poteva trovare un titolo migliore) fornisce testi interessanti ed immagini di Archivi fotografici pubblici e privati.
  A questo link troverete la cosiddetta versione accessibile
http://www.internetculturale.it/itinerari/archeologiaacb/pan0/contenuto0.html

  Ma vale la pena di sottoporsi ad una specie di caccia al tesoro per visitare questa mostra in modo più godibile.
  Se vi va, seguite le istruzioni:

1-
Cliccate su www.internetculturale.it qui sotto
2-
All'apertura della pagina, nel menu di sinistra, sotto PERCORSI CULTURALI, cliccate su Mostre
3-
Nella pagina che si apre compare l'elenco delle mostre virtuali.
Cliccate su Archeologia in posa.

  Cliccate ora su www.internetculturale.it e buon divertimento
si ringrazia per la segnalazione Laura Gasparini

torna al sommario

*

Archivio Giuseppe Palmas

  Anni '50. Dolce vita, neorealismo, paparazzi ecc. Ma non solo. Anche alluvione del Polesine, contrabbando di sigarette, reduci dalla Russia, venditori di aglio.
  Sono solo alcune delle voci di ricerca delle immagini nell'Archivio. 4341 foto pubblicate sul sito ad oggi, in continuo aggiornamento. Una fetta della nostra vita, forse.
  Sicuramente una parte dell'immaginario italiano.

  Le foto si possono acquistare. Cosa aspetti?

visita l'Archivio

torna al sommario

*

Archivio Roberto Donetta

  In Canton Ticino, Svizzera, all'inizio del secolo scorso Roberto Donetta, venditore di sementi e castagne, sette figli e moglie a carico, grandi difficoltà a sbarcare il lunario, si guardava intorno e pensava che quello che vedeva non dovesse andar perduto.
  Ci ha lasciato circa 5000 lastre e 600 stampe che documentano la vita quotidiana: matrimoni, battesimi, funerali, il lavoro nei campi e quello degli artigiani, il tempo libero, le case, i monti. Insomma il suo mondo in val di Blenio, Canton Ticino.

  La catalogazione è curata, le immagini e le schede sono disponibili sul sito attraverso una ricerca per parole chiave.
  Quando si arriva nel sito sarebbe forse utile trovare una lista delle parole chiave.

  Ecco alcuni risultati per parole chiave generiche:
casa
407 schede trovate
uomo 535 schede trovate
donna 485 schede trovate
bambini 369 schede trovate
cappello 219 schede trovate
baffi 312 schede trovate
acqua 3 schede trovate (tre ritratti di defunti!)
automobile 2 schede trovate

visita l'Archivio

torna al sommario

*

Archivio fotografico del Piccolo Teatro di Milano
Fotografia di scena

  Tra gli Archivi del Piccolo on line (fotografie, bozzetti, manifesti) questo di fotografie consta di  9687 immagini (dal '47 ad oggi).
  È possibile eseguire ricerche per titolo dello spettacolo, stagione teatrale, autore, regia, scenografia, costumi, autore della musica.
  Le immagini sono visualizzabili in formato miniatura e, cliccando su ognuna, è disponibile la fotografia in un formato sufficientemente grande e senza sovrascritte.
  Ogni immagine è corredata da una scheda essenziale che contiene i riferimenti all'opera teatrale, oltre naturalmente al nome del fotografo.
  Un esempio di accuratezza, semplicità e funzionalità.

visita l'Archivio

torna al sommario

*

George Eastman House

  Il più antico museo di fotografia, fondato nel 1947, da George Eastman, il creatore della Kodak.
  Il patrimonio delle collezioni della GEH è composto da 400.000 fotografie (di cui 300.000 disponibili on line) di 14.000 fotografi, dall'invenzione della fotografia ad oggi, inclusa la più grande collezione di dagherrotipi fuori dalla Francia.
  La Fondazione dispone della più completa biblioteca al mondo di libri, manoscritti, giornali riguardanti la fotografia e offre seminari e corsi di livello universitario sulla conservazione dei materiali fotografici.

Visitare il sito e gli archivi on line contenenti 300.000 fotografie, i filmati, le locandine, i poster ecc. richiede tanto tempo a disposizione ma è un'esperienza unica.
  Sei pronto? allora clicca qui e buon viaggio

torna al sommario

*

Fototeca della Biblioteca Panizzi

  "Nella Fototeca sono conservate quasi un milione di immagini sui più vari supporti: dagherrotipi, negativi in vetro, carte salate, albumine, negativi su poliestere, cartoline, diapositive e negativi a colori.
  Il patrimonio iconografico della Fototeca documenta in particolare
la realtà storica locale dalla metà dell’Ottocento ai giorni nostri.
  Il catalogo della Fototeca rende possibile la visualizzazione dell’immagine ricercata.
  Sono conservate in Fototeca fotografie di autori come Alinari, Anderson, Beato, Bernoud, Brogi, Besso, Caneva, Deroche, Disderi, Naya e come, tra i contemporanei, Luigi Ghirri, Gabriele Basilico,
Vasco Ascolini, Stanislao Farri, Olivo Barbieri e altri."

  È possibile eseguire ricerche on line per titoli, autori, editori, soggetti, stampatori, date ecc. Le immagini disponibili on line sono visualizzabili in un formato sufficientemente grande e con sovrascritte che non disturbano.
  Secondo noi uno degli Archivi fotografici italiani più utilizzabili via web.

  Inoltre la Fototeca non si limita a conservare ma, con gli eventi che organizza periodicamente, rende il proprio patrimonio disponibile ad una diffusa fruizione (per saperne di più clicca,
nella pagina del catalogo, su Novità in Fototeca).

Visita la Fototeca

torna al sommario

*

Museo storico della guerra di Rovereto

  L’archivio fotografico del Museo comprende più di 35.000 immagini, in gran parte dedicate alla Grande Guerra, alla Seconda guerra mondiale e alle guerre coloniali italiane.
  A questo indirizzo si trova il sito dell'Archivio
http://www.museodellaguerra.it/3_archivi_03.htm

  È possibile, in modo un po' macchinoso, accedere alla consultazione delle 15848 immagini on line partendo da un altro indirizzo (in verità segnalato sulla pagina web su indicata).
  Bisogna  andare ad una pagina del sito www.trentinocultura.net dove si trovano riuniti gli accessi di tre archivi on line, scegliere dal menu a tendina "Ente" il "Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto" e cliccare su invio.

  La consultazione permette di visualizzare le immagini presentate in formato accettabile, corredate da una scheda stringata che indica il Numero d'Inventario, il Soggetto, una non meglio identificata Identificazione, la Data,il Fondo, l'Ente.
 
Il problema, come spesso accade in questi casi, è che chi costruisce questi data base non ha come obiettivo la diffusione capillare della fruizione del fondo, ma pensa spesso solo ad un'utenza professionale.
  Se vuoi visitare l'Archivio on line clicca qui

torna al sommario

*

Un italiano nella Cina dei Boxer

  Una mostra tenuta a Modena nel 2000.
  Vale la pena, anche se si è vista allora, scorrere di nuovo le immagini e le lettere di Giuseppe Messerotti, che con occhio onesto osservava quel mondo così lontano dove era stato mandato
in missione "umanitaria". Correvano gli anni 1900-1901

Guarda la scheda

torna al sommario

*

ICCD - FOTOTECA NAZIONALE

  La varietà dei Fondi e delle Collezioni è ben descritta nella presentazione dell'Archivio. On line un database di consultazione di 300 Mbyte di informazioni testuali e 7,96 Gbyte di immagini.
  La ricerca può essere eseguita attraverso 2 modalità diverse: per oggetti fotografati e per schede foto riempendo anche solo 1 degli 8 campi complessivamente disponibili.
  Ben organizzato anche il sistema di e-commerce con possibilità di acquisto di stampe, di download e di CD Rom.
  Tariffe minime (per uso personale e di studio) rispettivamente 12,91 - 20,00 - 20,00 Euro.
  Forse la pagina della Galleria virtuale potrebbe essere arricchita da più immagini, magari anche su temi diversi.

torna al sommario

*

Le Immagini e la Memoria
Percorsi fotografici alla scoperta dei luoghi dell'arte e della storia
della città e provincia di Como

  Guardare, osservare, capire, scoprire particolari nascosti,
ricordare: lo si può fare solo se il nostro approccio è lento, paziente, e se nasce dal desiderio vero di "leggere" i luoghi e la storia, per conoscerli, amarli e rispettarli.

  Tra gli Archivi fotografici on line, questo sito merita di essere segnalato per l'approccio, a nostro avviso, correttamente divulgativo.
  È evidente l'attenzione alla organizzazione scientifica dei materiali, ma lo scopo non è quello di catalogare documenti solo per salvarli dalla dispersione.
  Le immagini e le raccolte vengono presentate allo scopo dichiarato di conservare e offrire ai visitatori frammenti della vita e della storia della città di Como e provincia.
  Una vita e una storia che hanno costruito nel tempo l'identità culturale di una comunità.
  In tempi di oblio e superficialità, non è poco.

  Come tutte le cose umane, anche questo sito può essere migliorato (iniziando forse a riempire i tanti spazi vuoti).
  Quello che vogliamo segnalare però è... il buon profumo di pane fresco che sembra uscire dal monitor.

Visita l'Archivio on line

torna al sommario

*

SINAFO
Sistema Nacional de Fototecas
Mexico

  Il SINAFO (Sistema Nacional de Fototecas) viene istituito in Messico nel 1993 su impulso dell'INAH (Instituto Nacional de Antropología e Historia).
  L'Istituto fin dall'inizio promuove la fotografia come strumento di documentazione delle popolazioni indigene e dei monumenti nazionali e, in seguito alle prime esperienze della Fototeca Nazionale e della Fototeca di Culhuacán, decide di sistematizzare il lavoro di conservazione, catalogazione e digitalizzazione del patrimonio dei propri archivi fotografici, fondando il SINAFO.
  Dalla sua nascita hanno via via aderito al Sistema Archivi pubblici e privati fino ad arrivare ai 23 Archivi di oggi (16 dell'INAH, e 7 altri, tra pubblici e privati).
  Il patrimonio fotografico del SINAFO si aggira intorno ai 2.500.000 pezzi custoditi, opere di più di 2000 autori e documentazione fotografica del Messico dagli anni 40 del XIX secolo ad oggi.

  Il sito del SINAFO è ricchissimo di immagini che rappresentano i fondi di proprietà. Esse sono presentate in forma di album consultabili cliccando sulle miniature.
  Le immagini sono corredate da un numero di inventario e da un titolo.
  Non sembra disponibile al pubblico un sistema di ricerca per soggetto, per autore o altro.
  Il materiale sul sito è presentato ad una fruizione non specialistica ma in modo per nulla superficiale.

  Molto interessanti le mostre virtuali proposte che riescono a dare un'idea della varietà dei documenti conservati.

Visita il sito
si ringrazia per la segnalazione Angela Tromellini

torna al sommario

*

Antiche tecniche stampa fotografica

  Per Arrigo Mamone, di cui segnaliamo la presenza nella nostra Vetrina, la fotografia non è solo visione; essa è dotata anche di un corpo.
  In tempi di immagine digitale, che esiste fin quando il computer o il telefonino è acceso, potrebbe sembrare un arcaismo.
  Noi crediamo invece che la fotografia abbia avuto un'infanzia e una giovinezza troppo brevi. Giunta alla soglia della maturità, ai giorni nostri, si è trovata, ancora piena di forze, a doversi misurare con l'evanescenza e l'inconsistenza (nel senso letterale di assenza di corpo materiale) del mezzo elettronico.
  Siamo sicuri che la fotografia realizzata con la chimica, costruita con la sapienza delle manipolazioni in camera oscura, abbia ancora qualcosa da dire.

  Cosa significa allora utilizzare il web per presentare questo tipo di scelta espressiva?
  Arrigo ci ha detto:
"Il sito è stato originariamente concepito per esemplificare l'uso espressivo di alcune tecniche fotografiche sia per chi le voglia apprezzare sia per chi le voglia utilizzare; per raggiungere dei contatti; per segnalazione angosciata di qualcosa che scompare.
Riconoscendo io stesso che il mezzo elettronico non restituisce le caratteristiche materiche delle immagini, molto più rilevanti che nella fotografia tradizionale all'argento, non volevo fare del sito una galleria."

Héliogravures
sensibiliallaluce

  In tema di antiche tecniche fotografiche segnaliamo inoltre il sito del Gruppo Rodolfo Namias ed un piccolo repertorio di risorse sul web Adriano Silingardi - Le tecniche fotografiche

torna al sommario

*

La fotografia come fonte storica
Sul sito del Museo della Fotografia una bibliografia ed un saggio di Maria Teresa Sega: La storia scritta con la luce e un testo di Luca Pagni: ROBERT CAPA Messa in scena di un mito

  "Ciò che porta gli storici a diffidare della fotografia è l'impossibilità di trasferire ad essa le categorie interpretative usate per le altre fonti (autenticità, veridicità, esattezza) e rimanda in ultima analisi al concetto di vero per lo storico che è diverso dal vero per il senso comune.
  (...) È importante, analizzando un'immagine fotografica, chiedersi che cosa dice ma anche che cosa non dice: risalire ai criteri di scelta che stabiliscono che cosa è fotografabile, che cosa è mostrabile, in rapporto ai valori dell'epoca, dell'autore, del committente, delle classi dominanti o di chi usa e manipola l'informazione"

  Una riflessione interessante su fotografia come mezzo espressivo e fotografia come documento.
La storia scritta con la luce

 Sullo stesso tema un testo di Luca Pagni sulla famosa immagine del miliziano morente
ROBERT CAPA Messa in scena di un mito

torna al sommario

*

AMBER

  Amber nasce nel 1968.
  Un piccolo gruppo di studenti di fotografia e cinema al Politecnico di Regents Street a Londra, finiti gli studi, decide di rimanere a lavorare insieme fuori dall'establishment dell'industria cinematografica.
  Fonda così un gruppo di lavoro collettivo, no profit. Il lavoro si orienta subito sulla documentazione della classe lavoratrice, attraverso la fotografia e il cinema.
  All'inizio degli anni '80, Amber è tra le etichette indipendenti che fondano Channel 4. Sono quelli gli anni del "Tatcherismo".
  Amber documenta con la foto e il cinema le sfortunate lotte dei minatori di carbone fino all'inizio degli anni '90, quando chiude l'ultima miniera di carbone a Durham.
  Oggi Amber, oltre a possedere il più importante fondo di documentazione su quegli anni, annovera tra le opere conservate le immagini di decine di fotografi tra cui Weegee e Sander.
  Nel 1977 apre la Side Gallery a Newcastle upon Tyne, dove sono conservate le collezioni e organizzate le mostre.

Sul sito di Amber on line
ben 91 mostre on line e i fondi di proprietà

Qui
la programmazione in atto alla Side Gallery

torna al sommario

*

Musée Nicéphore Niépce
Pour un nouveau musée de la photographie

  Dalla presentazione del sito:
  "Presentare e spiegare la storia dell'immagine meccanica, dalle sperimentazioni di Nicéphore Niépce alle tecnologie digitali.
  Innovare nei modi di presentazione e rendere comprensibili e visibili i processi, gli utilizzi e le sfide della fotografia.
  Essere un attore nella produzione di immagini e diffondere le collezioni su i nuovi supporti di comunicazione.
  Sviluppare dei progetti pilota assieme al mondo dell'industria, dell'insegnamento, della ricerca e dell'arte."

visita il Sito

torna al sommario

*

Immagini di Storia

  "Immagini di Storia racconta la storia d'Italia attraverso le immagini di importanti musei e archivi di tutto il territorio. Le immagini possono essere fruite cronologicamente o per singolo luogo di conservazione.
  È un servizio gratuito per tutti i musei e gli archivi d’Italia a cui è offerta un’occasione per essere più visibili e per rendere maggiormente accessibili le proprie collezioni a un vasto pubblico. Immagini di storia cresce nel tempo e offre ai musei e archivi numerose occasioni di sviluppo."

  Le immagini non sono solo fotografie ma anche riproduzioni di oggetti, dipinti, sculture conservati nei vari Musei e Archivi.
  La prima immagine di una fotografia appare nella pagina "Dall'unità alla Prima guerra mondiale" e da allora in poi le fotografie sono sempre più numerose fino a "Dal Boom economico ad oggi"
.

visita il Sito
si ringrazia per la segnalazione Serge Noiret

torna al sommario

*

Guida ai Fondi Fotografici Storici del Veneto

  Questa volta non è un sito quello che segnaliamo. Si tratta, come si dice, di un e-book. Un vero e proprio libro che se avete voglia, potete stamparvi e leggere con calma. Vi assicuro che vale molto di più dell'inchiostro necessario.
  Si tratta di una descrizione accurata dei principali fondi fotografici del Veneto con relativa ubicazione, telefono, orari e giorni di apertura, e-mail del responsabile, consistenza dell'archivio, Autori e soggetti principali, tante immagini e molto altro ancora.

  Riportiamo dalla quarta di copertina:
  "Questa guida, di facile consultazione e rapido utilizzo, illustra le principali collezioni di fotografia storica presenti nel nostro territorio che costituiscono straordinari documenti dell’arte, della storia, della scienza e del lavoro nel Veneto del passato.
  Si tratta di preziosi giacimenti culturali che si sono formati nel corso di oltre centocinquant’anni di storia della fotografia. Un patrimonio tramandato grazie alla lungimiranza delle istituzioni pubbliche e dei tanti privati cittadini che si sono adoperati per la sua conservazione, mettendolo oggi a disposizione del più ampio pubblico di studiosi e appassionati."

vai alla Guida o, se preferisci la versione html, clicca qui
si ringrazia per la segnalazione Adriano Favaro

torna al sommario

*

Camping with the Sioux 

  Nell'autunno del 1881, Alice Fletcher partì per il territorio Dakota per vivere con le donne Sioux e studiare la loro vita. Un'etnologa ante litteram.
  Il frutto dei suoi studi si trova oggi su un piccolo sito ospitato dal server dello Smithsonian National Museum of Natural History.
  Il diario del viaggio, la galleria fotografica, leggende popolari e bibliografia completa su
Camping with the Sioux
Fieldwork diary of Alice Cunningham Fletcher


  In tema di Nativi Americani come non ricordare l'opera di Edward S. Curtis: The North American Indian.
  Del lavoro di questo grande fotografo americano segnaliamo alcune immagini sul sito americano della Library of Congress e su www.iphotocentral.com

torna al sommario

*

Lombardia beni culturali | fotografie 

  La sezione fotografie del sito.
"La banca dati delle fotografie contiene informazioni relative alle immagini conservate in alcune delle più importanti collezioni della regione. I supporti catalogati testimoniano la storia e l'evoluzione dei linguaggi, delle tecniche e dei materiali fotografici dal dagherrotipo alla fotografia digitale."

  Sono accessibili on line 45602 schede con l'immagine e le relative informazioni.
  È possibile fare una ricerca mirata o visualizzare le immagini a partire da una ricerca per: autore, genere, soggetto, fondi fotografici.
  Non ci risulta on line un'analoga quantità e qualità di informazioni disponibili sui beni culturali di altre regioni d'Italia.
  Naturalmente siamo disponibili a fare ammenda se qualcuno volesse segnalarci altre risorse in rete.

visita il sito

torna al sommario

*

Dagherrotipi - Le origini della fotografia

  Il 6 Gennaio 1839 un piccolo trafiletto sulla Gazette de France dà la notizia: “Annunciamo un’importante scoperta del nostro famoso pittore di Diorama, M. Daguerre.
  M. Daguerre ha trovato il modo di fissare le immagini che si dipingono da sole dentro una camera oscura, sicché esse non sono più fugaci riproduzioni di oggetti, ma ne sono l’impronta fissa e durevole che, come un dipinto o un’incisione, non ha più bisogno dell’oggetto.”
  Era l'annuncio della nascita della fotografia.

  L'oggetto su cui erano "fissate le immagini che si dipingono da sole dentro una camera oscura" non era una stampa su carta (quelle arrivarono solo dopo) ma una lastra di rame argentato che bisognava guardare secondo una certa angolazione per scorgere un'immagine positiva. Cambiando l'angolo di visualizzazione, l'immagine diventava negativa. Insomma un oggetto strano, per l'epoca quasi magico, lontano da quello che oggi siamo abituati a pensare quando diciamo fotografia. Eppure era il primo passo.
  Il Dagherrotipo veniva incorniciato e montato in un astuccio con un vetro di protezione e, a seconda del tipo di montaggio, si riconosceva per essere francese o americano. Quello francese era più raffinato e complesso, mentre l'americano era costituito da un vetro, una cornice in ottone e la lastra di rame argentato.

  Per 20 anni (fino al 1860 circa) furono in produzione prima di venir soppiantate dalle stampe su carta, che avevano il vantaggio di essere riproducibili teoricamente all'infinito.

  Abbiamo trovato sul web alcuni archivi on line che presentano dagherrotipi digitalizzati:
La raccolta della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia
La raccolta della Library of Congress americana
Le Galleries della Daguerreian Society
Il database della Daguerreian Society
Le Vieil Album - Un archivio francese on line
Un articolo su una mostra di dagherrotipi a Roma nel 2003

  Inoltre sul sito del Centro di fotoriproduzione legatoria e restauro degli Archivi di Stato, è disponibile un accurata descrizione del dagherrotipo con l'indicazione delle procedure di restauro, molto difficili perchè l'oggetto, pur essendo di metallo, è molto più delicato delle stampe su carta: Dagherrotipi.pdf

  Buona navigazione

torna al sommario

*

Albumina - Le origini della fotografia

  Il bianco d'uovo, altrimenti detto albume, è un liquido trasparente che, steso su una lastra di vetro, lascia evaporando un rivestimento trasparente quanto il vetro stesso. Impiegato come mezzo fotografico, conserva i più minuti particolari con assoluta fedeltà.
  Il funzionamento dell'albume è esattamente lo stesso della pellicola negativa. Nell'albume, preparato correttamente, è sciolta una piccola quantità di ioduro di potassio che è stesa su una lastra ben pulita di vetro. Il vetro asciutto è immerso in nitrato di argento ed esposto alla luce. Viene sviluppato e fissato da iposolfito di sodio. Il vantaggio che l'albume offre è la riproduzione dei particolari più fini e minuti nell'immagine.
  Non è tuttavia affatto un procedimento facile né molto sensibile alla luce, quindi inadatto per i ritratti, poichè è necessaria una lunga esposizione per una corretta sensibilizzazione.

  Il procedimento, dovuto a Abel Niépce de Saint-Victor nel 1848, fu usato inizialmente per produrre lastre negative, venne poi esteso alla carta.

  Nel sito albumen.stanford.edu una grande quantità di informazioni, bibliografia, spiegazione del procedimento e addirittura dei filmati per spiegarne la preparazione e l'uso.

torna al sommario

*

Collodio - Le origini della fotografia

  Il collodio segnò nello sviluppo della fotografia una tappa importante: la nascita del negativo così come lo intendiamo oggi. Un'immagine con i bianchi, i neri e le tonalità di grigio invertiti su un supporto trasparente.
  In verità già William H. Fox Talbot precedentemente aveva inventato e brevettato un procedimento per produrre negativi, e quindi un sistema per riprodurre la stessa immagine. Questo procedimento (detto calotipia) si basava sulla carta come supporto del negativo e quindi le immagini positive che se ne ricavavano erano povere di dettaglio.
  Il collodio permetteva invece di usare un supporto di vetro e quindi la fedeltà del positivo, in termini di dettaglio, che se ne ricavava era pressocché totale.

  Il collodio (originariamente usato in chirurgia per impermeabilizzare le ferite) vede la sua origine in due tappe. La prima fu quella della nitrocellulosa, scoperta dal chimico svizzero Christian Friedrich Schönbein in modo del tutto casuale e utilizzata per fini bellici a causa della sua alta infiammabilità. La seconda tappa fu quella realizzata da Frederick Scott Archer nel 1850. Egli notò che sciogliendo nitrocellulosa in alcool ed etere si formava una sostanza colloidale trasparente utile a rivestire le lastre di vetro sensibilizzate con sali d'argento.
  Il risultato fu la produzione di negativi perfettamente traparenti che consentivano la riproduzione teoricamente infinita della stessa immagine.
  Era la svolta che diede alla fotografia la sua caratteristica principale: la riproducibilità dell'immagine.

  Segnaliamo su La chambre volant una descrizione precisa della tecnica del collodio.
  Il sito è inoltre un'utilissima risorsa per chi volesse utilizzare o anche solo conoscere le antiche tecniche di produzione fotografica.

  Con la nascita della fotografia al collodio chiudiamo per ora le segnalazioni di risorse sul web riguardanti le tre tappe pricipali delle origini della fotografia: la Dagherrotipia, l'Albumina, il Collodio.

torna al sommario

*

Fotografia fai da te

  Per chi si fosse spaventato per la difficoltà di riproduzione delle tecniche fotografiche descritte nei tre post precedenti, segnaliamo qui la descrizione della preparazione domestica dell'emulsione fotografica da stendere su supporti difficilmente reperibili in commercio (in versione fotosensibile) come carta da disegno, tela, legno ecc.

  Lo scopo è quello di invitare a sperimentare una procedura artigianale simile a quelle usate quando la fotografia era nei sogni.

  Oggi basta premere un pulsante su un telefono per scattare una "fotografia". C'è stato un tempo in cui riprodurre la realtà era fatica, attenzione, precisione nei dettagli delle procedure tecniche.

  Non rimpiangiamo certamente quei tempi ma vogliamo sottolineare che nella produzione di immagini è forse necessaria la stessa fatica, precisione, attenzione ai dettagli per evitare di ritrovarci sommersi da milioni di scatti senza senso. Insomma un'invito ad un'ecologia della visione.

  Preparazione della gelatina sensibile

  Buon lavoro a tutti i fotografi dilettanti e professionisti.

torna al sommario

*

Eadweard Muybridge - fotografo del movimento

  Eadweard Muybridge (1830 - 1904) nacque in Inghilterra ma passò gran parte della sua vita in America. Si trovò a convivere cronologicamente con la nascita della fotografia e fu uno di quelli che ne fece la storia agli inizi.
  Deve la sua meritata fama agli studi del movimento degli esseri umani e degli animali che iniziò in seguito ad una strana richiesta che gli fece il governatore della California. Questi gli chiese se fosse possibile dimostrare con le immagini fotografiche che il cavallo solleva, in un momento del galoppo, contemporaneamente tutte le zampe da terra. Muybridge progettò un sistema di 50 fotocamere che venivano azionate in sequenza dagli zoccoli del cavallo. Molti pittori avevano rappresentato i cavalli al galoppo con le quattro zampe sollevate nel momento di massima estensione ma nessuno mai aveva potuto dimostrarlo.
  Il risultato fu sorprendente: il cavallo si stacca da terra durante il galoppo ma ma non nella posizione di completa estensione, come era comunemente raffigurato (vedi le famose immagini). Questo inpressionò fortemente i pittori dell'epoca che cominciarono a vedere la fotografia come un potente mezzo per documentare la realtà prima di dipingerla.
  Da quel momento Muybridge si dedicò, con il sistema di fotocamere che aveva inventato, a studiare il movimento e progettò uno strumento, lo zoopraxiscopio, con cui era possibile mostrare le immagini in sequenza restituendo il movimento in modo fluido: era l'antenato del proiettore cinematografico.
Momenti magici: la fotografia partoriva il cinema.

  Nel Museo di Kingston in Inghilterra sono conservate le immagini più importanti, i dischi per lo zoopraxiscopio, lo stesso strumento ed altri oggetti e documenti. Tutto è visibile sul sito del museo.
Inoltre sul sito di Stephen Herbert una completa e dettagliata cronologia della vita di Muybridge.

torna al sommario

*

Lewis Wickes Hine - Straight photography

  La straight photography ("fotografia diretta") nasce negli Stati Uniti nella prima metà del '900 in reazione al pittorialismo.
  Gli esponenti del pittorialismo cercavano di rendere l'immagine fotografica simile ad un disegno, utilizzando tecniche di stampa come la gomma bicromata o il bromolio o manipolando l'immagine con procedimenti che accentuavano la somiglianza tra l'immagine fotografica e il dipinto.

  La straight photography afferma per la prima volta la specificità del mezzo fotografico e, con la diffusione della fotografia documentaria, con la nascita della figura del fotoreporter, con la diffusione dei giornali e delle riviste illustrate e con la crescente attenzione per le grandi questioni sociali, si impone come nuovo mezzo d'espressione.

  Tra i primi eponenti di questa nuova tendenza fu Lewis Hine.
Studiò sociologia all'Università di Chicago e alla Columbia University.
  Per lui la fotografia fu uno strumento di ricerca e di denuncia sociale. Documentò tra l'altro le condizioni del lavoro minorile e il sogno infranto di benessere e di felicità di milioni di immigrati che toccavano il suolo americano.
  Famosi i suoi scatti a Ellis Island, luogo di prima raccolta degli immigrati in America, la ricerca sul lavoro minorile in America per conto del National Child Labor Committee (NCLC), la documentazione della costruzione dell'Empire State Building, la documentazione delle condizioni della worker class americana.
 
Fu forse il più grande testimone della società americana all'inizio del secolo scorso.

torna al sommario

*

Album Auschwitz

  Questo album è simile a tanti altri album che sono conservati nelle nostre case. Contiene le foto dei familiari e degli amici della persona che lo ha conservato.
  Ma cominciamo dall'inizio:
  Primavera del 44, Lilly Jacob, ebrea ungherese, 18 anni, viene deportata con tutta la sua famiglia ad Auschwitz. Appena arrivata, viene separata dai genitori e dai fratellini. Non li rivedrà mai più.
  Il giorno della liberazione, nelle baracche delle SS trova un album di fotografie, lo sfoglia e, con sua grande meraviglia, vede tra le tante immagini i suoi familiari ed amici il giorno del loro arrivo al lager.
  Lei non lo sa ancora, ma quella è l'unica testimonianza degli arrivi dei deportati in un campo di sterminio. Sono foto scattate dai nazisti e raccolte in un album non si sa per quali motivi.
  Nel 1980 decide di donarlo allo Yad Vashem, dove è stato restaurato e viene tuttora conservato.
  Il 17 Dicembre 1999 Lilly Jacob muore.

Album Auschwitz

torna al sommario

*

Archivi della memoria

   Le fotografie, rispetto ad altri manufatti, hanno vita molto più breve. I materiali sono di origine organica (carta, gelatina, albume d'uovo ecc.), soggetti a deterioramento, accelerato da calore e umidità. Sono quindi destinate ad un degrado più o meno lento e, nel giro di qualche generazione, alla sparizione (vedi la pagina conservazione).
   La tecnologia ci consente oggi di salvare dall’inevitabile oblio queste immagini e di consegnare alle generazioni future, se non i documenti nella loro integrità fisica, quanto meno l’immagine che essi recano.
   In verità una nuova sensibilità a questi temi si è cominciata a manifestare almeno per quanto riguarda gli Archivi fotografici più importanti e le raccolte di proprietà di collezionisti avveduti.
   Resta però un mare magnum di immagini che testimoniano la vita familiare quotidiana, gli eventi sociali, culturali e politici più o meno importanti del secolo scorso che attendono di essere salvate dalla inevitabile sparizione.
   Finora, oltre la nostra piccola iniziativa on line da quando è nato il sito, in poche realtà si è cominciato a raccogliere le immagini di famiglia.
   Abbiamo trovato per ora quattro siti sul web italiano:
Il Muvi
L'album di Roma
Imago
L'album privato dell'alluvione di Venezia

torna al sommario

*

The Leaf and the Quillan Collection

  Questa è una storia di fotografie, di primati storici e di soldi.
  Tutto comincia con la preparazione ad una vendita all'asta di Sotheby's di un lotto di fotografie storiche: la Quillan Collection.
  Larry Schaaf, storico della fotografia e studioso di Talbot, trova che un certo "disegno fotogenico", The Leaf, attribuito finora a Talbot (1839), presenta su un margine una W scritta ad inchiostro. Una W come Wedgewood (morto nel 1805). il fatto che la fotografia apparteneva alla famiglia Bright, buoni conoscenti dei Wedgwood, sarebbe un altro importante indizio di attribuzione.
  Come tutti sanno, la prima foto accreditata della storia sarebbe l'immagine di Nicéphore Niepce, raffigurante il cortile di casa sua, fatta nel 1826 e conservata all'Università di Austin (Texas).
  Thomas Wedgewood, un industriale della ceramica, aveva fatto molti esperimenti e riusciva ad impressionare la carta ma, non esistendo ancora il fissaggio, il processo di annerimento continuava all'infinito ed in breve i suoi disegni fotogenici diventavano tutti neri.
  Forse non tutti, forse aveva involontariamente sottoposto alcuni di essi a qualche sostanza chimica che avrebbe fissato l'immagine.
  È del tutto evidente che, se The Leaf fosse uno di questi, soffierebbe il primato a Niepce.
  La foto era stata valutata da Sotheby's intorno ai 100, 150.000 dollari ma, in attesa di studi più approfonditi, ne è stata sospesa la vendita che doveva avvenire il 7 Aprile scorso insieme alla Quillan Collection. Se fosse giudicata la prima foto esistente al mondo, avrebbe un valore enorme. Basta pensare che la foto più costosa al mondo è stata The Pond-Moonlight di Edward Steichen (1904), venduta nel Febbraio 2006 per 2.600.000 dollari.
Intanto la Quillan Collection è stata quasi del tutto venduta per una cifra complessiva di 8.901.350 dollari.
  È possibile vedere molte delle stupende foto di questa collezione in questo video della Sotheby.

torna al sommario
 

 

   
 

Valid HTML 4.0!
-------------------
The W3C Markup Validation Service
checks HTML documents
for conformance to W3C HTML
and XHTML Recommendations
and other HTML standards

                 
                               homecorsiprofessioneconservazionevetrinatour
URL>  http://www.minimaphotographica.it/album.htm